Alitosi


L'alitosi, comunemente detta alito cattivo, è frequente a tutte le età (dai bambini agli anziani) ed è caratterizzata da un odore sgradevole dell'aria emessa dal cavo orale. Sebbene ce l'abbiano sotto il naso, molte persone non sono consapevoli dell'odore del loro alito; per altre invece, l'alitosi può essere fonte di imbarazzo e disagio.

  • ALITOSI TRANSITORIA: è legata ad alcuni momenti (risveglio) o ad abitudini errate (alimentazione, fumo).
  • ALITOSI PERSISTENTE: è dovuta nella maggioranza dei casi a problemi legati a denti e/o gengive: solo una modesta percentuale è legata a problemi medici extraorali.

Se soffrite di alitosi, consultate quindi il vostro dentista, che può aiutarvi ad identificarne la causa e, se dovuta a disturbi di origine orale, sviluppare un piano di trattamento che vi aiuti ad eliminarla.

SINTOMI ASSOCIATI AD ALITOSI:

  • Presenza di una patina bianca sulla lingua.
  • Secchezza a bocca e denti.
  • Alito cattivo al mattino e sensazione di bruciore alla lingua.
  • Saliva appiccicosa e costante sensazione di doversi schiarire la gola.
  • Gusto metallico e/o amaro.

CAUSE DI ALITOSI

SCORRETTA IGIENE ORALE. Se non si attua una corretta igiene orale, le particelle di cibo che si depositano tra i denti, sulle gengive e sulla lingua, possono provocare cattivo odore e, favorire la crescita di microorganismi che producono i composti sulfurei volatili (VSC), responsabili dell'alitosi.

MALATTIA PARODONTALE. Alitosi o gusto sgradevole persistenti, sono alcuni dei segnali di malattia parodontale. La malattia parodontale è una condizione nella quale i batteri attaccano il tessuto che circonda e sostiene i denti, provocando un'infiammazione che, nei casi più gravi, può causare la perdita dei denti stessi.

CARIE. I batteri presenti nella placca, trasformano gli zuccheri in acidi, i quali possono intaccare prima lo smalto e poi la dentina, dando luogo alla formazione di una cavità (carie dentale) che, se non curata, può ingrandirsi distruggendo progressivamente il dente. I residui di cibo, possono provocare alitosi.

Controlli dentistici regolari, permettono al vostro dentista di diagnosticare e/o trattare malattia parodontale e carie durante lo stadio iniziale.

PROTESI MOBILE. Se non pulita correttamente, può alloggiare particelle di cibo e batteri, causa di alitosi.

BOCCA SECCA (XEROSTOMIA). La saliva contribuisce all'autodetersione della bocca. In caso di diminuzione del flusso salivare, dovuto a farmaci, problemi alle ghiandole salivari o continua respirazione attraverso la bocca, potreste avere condizioni di bocca secca, con maggior ristagno di placca e residui alimentari, causa di alitosi. Per stimolare la produzione di saliva, potrebbero essere utili caramelle o gomme senza zucchero, oltre all'aumento della quantità di liquidi assunti quotidianamente.

FUMO. Il fumo dà luogo ad alito cattivo (oltre a macchie ai denti, irritazione dei tessuti, riduzione della capacità di gustare i cibi ed aumento del rischio di malattia parodontale), in quanto provoca una diminuzione della fluidità salivare. Inoltre, i residui del fumo di tabacco, aderendo ai denti e alle mucose della bocca, favoriscono la crescita dei batteri reponsabili dell'alitosi. Cercate di smettere o di ridurre il numero di sigarette giornaliere. Si è rilevato che anche l'esposizione al fumo passivo può provocare alitosi.

FARMACI. Alcuni farmaci (ad esempio alcuni tipi di antipertensivi e psicofarmaci) possono provocare alitosi o, a causa di sostanze in essi contenute o, indirettamente, diminuendo la produzione di saliva.

FATTORI ORMONALI. L'alitosi può essere collegata a fattori ormonali come gravidanza e periodo mestruale.

Il nemico n.°1 dei nostri denti e delle nostre gengive è la placca batterica. Questa consiste in una pellicola bianco-grigiastra che si deposita sulla superficie dei nostri denti e sul bordo gengivale. Se con lo spazzolamento non viene rimossa quotidianamente si trasforma in tartaro in pochissimo tempo (24/36 ore). La conseguenza è l'infiammazione acuta delle gengive con possibili gravi conseguenze: recessioni, perdita di osso, mobilità dentaria, sanguinamento, ecc.. Da qui la grandissima importanza di una più che scrupolosa igiene orale domiciliare che si deve effettuare costantemente dopo i pasti principali con le opportune metodiche di spazzolamento, con l'uso del filo interdentale, con i collutori. Fondamentali sono comunque le sedute di igiene professionale dal dentista che consistono in detartrasi con ultrasuoni, curettage gengivale, levigatura radicolare e che devono essere effettuate con cadenza almeno semestrale. Solo in questo modo ci si può garantire una salute orale completa allontanando i rischi di carie, gengivite, alitosi, malattia parodontale, ecc..

Le Domande più frequenti

Si possono rimodellare le gengive col laser? - Vai alla risposta

E' vero che l'ossigenoterapia rinnova la pelle? - Vai alla risposta

Parodontite e cura col laser - Vai alla risposta

Altre domande